ADULTI -- Vocabolario di Igor Sibaldi

ADULTI. Con questo termine indico tutte le persone nelle quali, indipendentemente dalla loro età anagrafica, l’io è meno rilevante dei condizionamenti che hanno subito – come illustrato dalla Mappa. Caratteristiche fondamentali degli adulti sono:
- l’identificarsi con il ruolo che rivestono nella famiglia e nella società (è veramente adulto, per esempio, chi dice “io sono un ingegnere”, e non “io adesso faccio l’ingegnere, per alcune ore al giorno”);
- il non accorgersi di ciò che non comprendono, o il credere che ciò che non comprendono abbia comunque una sua ragion d’essere che non tocca a loro scoprire; e di conseguenza
- il domandarsi raramente “perché”?
- il non prendere in considerazione  possibilità che si discostino da ciò a cui sono stati abituati, e che vedono fare agli altri, o da molti (nella mente degli adulti, pensieri e idee hanno la terribile tendenza a seguire percorsi obbligati, come i tram);
- l’atrofia dei desideri, cioè il volere non quello che veramente vogliono, ma soltanto quel che bisogna volere, perché anche gli altri o i molti lo vogliono;
- la quotidiana sensazione di avere sempre meno futuro da vivere: gli adulti la chiamano “paura della morte”, o pensano che la paura della morte ne sia la conseguenza; in realtà, dietro a questa paura della morte si nasconde un forte e segretissimo desiderio di morire, che è la vera origine di quella sensazione di avere sempre meno futuro da vivere.

   Tutto ciò rende gli adulti assai infelici, e invidiosi di chi adulto non è. Perciò buona parte di loro considera i bambini come esseri problematici, da far diventare adulti il più presto possibile – come se l’età adulta costituisse il vertice dell’evoluzione umana. Al contrario, proprio dal punto di vista dell’evoluzione gli adulti si sono rivelati, nella nostra epoca, gli esseri più arretrati e dannosi del pianeta: manca loro la principale qualità necessaria all’evoluzione stessa, cioè la capacità di adattarsi all’ambiente naturale (non sono stati gli adulti a distruggerlo, non riuscendo più a chiedersi “perché”? di tante cose?). Altrettanto arretrati essi risultano nei riguardi della crescita spirituale: non per nulla Mosè (Mes, o Mses) in egiziano significava “il Bambino”, e nei Vangeli viene precisato che “se non diventerete come bambino, non entrerete nel Regno dei Cieli”.

Nessun commento:

Posta un commento