Yeyazel, Angelo 40, dei nati fra il 9 ed il 13 Ottobre

Yeyazel o Yeyalel o Yeyaze’el, è il 40esimo Soffio e l’ottavo, e ultimo, raggio angelico del Coro Marziano degli Angeli Potestà, nel quale amministra le Energie lunari. Il suo elemento è l’Aria; ha domicilio Zodiacale dal 15° al 20° della Bilancia ed è l’Angelo Custode dei nati dal 9 al 13 Ottobre.
I 6 Angeli Custodi della Bilancia sono potenze che collettivamente fanno dei loro nati persone sensibili ed altruiste, equilibrate e con un profondo senso della giustizia; spesso intimamente volte al sapere metafisico. Amanti della Bellezza e dell’Arte, sono affascinanti ed istintivamente impegnati nella ricerca dell’armonia per sé e per gli altri.
Il nome Yeyazel significa “Dio che rallegra”

Il dono dispensato da Yeyazel è la GIOIA, o il CONFORTO.
Questo Angelo offre il dono dell’impulso ad una reazione benefica in chi si trova annientato dagli eventi. Dice Haziel che la sua azione fa penetrare l’Energia marziana del suo Arcangelo all’interno dell’Energia Lunare, per “liberare i prigionieri che sono in essa”. L’Energia della Luna è infatti il riflesso di altre energie cosmiche che vi sono trattenute, e perciò si può dire che vi sono imprigionate; allo stesso tempo, impregnandola delle proprie energie, queste altre fonti ne occupano lo spazio; cioè tengono a loro volta “prigioniera” la Luna stessa. Ma tramite l’Energia lunare di Yeyazel le Energie marziane del Coro delle Potestà vi irrompono per liberare ogni cosa. Non per niente il Testo Tradizionale spiega che questo Angelo ci può liberare tutto ciò che ci tiranneggia, ci vessa, ci opprime, ci perseguita, ci inquieta, ci preoccupa. In quanto lunare, egli ha potere su tutto ciò che è immagine ed immaginazione: editoria, dischi, stampa, radio, televisione e cinema; naturalmente sull’acqua e sul mondo inconscio.

Attraverso questo Angelo l’Energia lunare produce il sale; per risonanza, se lo invocheremo, i suoi protetti potranno avere una vita piena di interessi; tuttavia sarà sempre primaria la dimensione intima. Dice Haziel che Yeyazael impone la rettitudine nel Mondo dei Sentimenti e di conseguenza nei Sentimenti che animano le persone. Yeyazel influenza operativamente tutto ciò che determina il prodursi delle emozioni: la madre, la casa, il focolare domestico, l’ambiente specificatamente familiare. È presumibile che queste fonti emotive comportino anche un certo rigore, una certa austerità, per definire fino in fondo l’ordine interiore dell’individuo. Per una donna, elemento essenziale sarà la madre; per un uomo il ruolo capitale lo avrà la moglie. Sotto l’influenza di Yeyazel le donne diventano eccellenti colonne della vita familiare, così come verranno proprio da relazioni familiari i peggiori dispiaceri.

Yeyazel secondo Igor Sibaldi
Dice Sibaldi che nel nome di Yeyaze’el, la Yod (che è il geroglifico dell’attenzione estroversa, del dito che indica, della visibilità, del manifestarsi concreto e durevole) è addirittura raddoppiata e seguita da una Z, il geroglifico del mirare dritto ad un obiettivo: il Nome raffigura dunque un insopprimibile desiderio di creare, di far apparire, una magnifica determinazione nel seguire il proprio talento. Suggerisce dunque di pensare proprio all’Energia di questo Angelo, tutte le  volte che si desidera compiere qualcosa di bello, ch piaccia a moltissimi, per chiedergli il coraggio, senza cui la creatività rischia di disperdersi, di ripiegarsi su se stessa. E in effetti il significato nascosto nella radice yod-yod-zain è: molti, troppi sono gli scopi a cui miro.
I nati sotto questo Angelo devono guardare a professioni in cui usare il più liberamente e audacemente possibile la loro creatività. La loro mente ha percorsi troppo vasti ed elaborati perché riesca ad esprimersi, o comunque a trovare una collocazione, entro le strutture già esistenti; deve produrne di nuove: i loro campi sono l’arte e la scienza, se si tratta di ricerca d’avanguardia o di rivoluzionarie invenzioni. E lì anche gli aspetti più eccessivi del loro carattere possono servire da ottimo materiale di costruzione: la troppo stretta coesione di ragione e sentimento, in arte si rivela, il più delle volte, una benedizione, la condizione stessa dell’intensità dell’immaginazione. Meglio che non puntino ad esistenze regolari, né alle forme di felicità la cui maggioranza si accontenta, perché in realtà non è quello che vogliono davvero: la prudenza, la modestia e la ragionevolezza, l’amore, l’amicizia nella media non rispecchiano le loro esigenze. Ciò che per altri è un pregio o buona educazione, per loro è un limite. Ciò che è normale per i più (un po’ di razionale egoismo, un po’ di tranquilla routine, un po’ di conflitti tradizionali con genitori, coniugi e figli) è per loro un nemico fatale. Viceversa, quel che per altri può apparire un difetto diviene, per gli Yeyaze’el che hanno fiducia nel loro talento, una condizione operativa: il ritenersi fuori norma, incommensurabili, per esempio, dà loro la forza di osare; il non accettare consigli è solo il riflesso della loro autonomia e della loro originalità creativa. Perfino la mancanza di equilibrio, l’incapacità di affrontare razionalmente i loro problemi privati, diviene ragione ed alimento della loro arte, nella quale tutto ciò che nella loro esperienza personale è irrisolto viene trasformato in storie e forme in cui tanti altri possano riconoscersi.
Accettare una vocazione artistica o scientifica non è mai facile: ma la solitudine che richiede, la concentrazione, il continuo altalenare tra speranza di valere qualcosa e timore di non valere abbastanza, o il dubbio di star solo sognando: sono fatti comunque presenti nelle vite degli yeyaze’el… tanto da farci i conti con obiettivi precisi. Se proprio rinunceranno ad essere artisti, avranno sempre un porto sicuro nell’insegnamento, preziosa attività con cui gli Yeyaze’el più incerti o modesti potranno utilizzare le loro doti per incoraggiare i giovani ad affrontare le belle carriere in cui loro hanno scelto di non brillare.

Qualità di Yeyazel e ostacoli dell’Energia “avversaria”
Le qualità sviluppate da Yeyazel sono purificazione, ragione, allegria, buona comunicazione, amore per la lettura, gioia di scrivere e di creare, capacità di ringraziare, riconoscenza e ottimismo. Yeyazel dona consolazione, amore, liberazione dalle avversità; carattere amabile e leale, fine ironia, sincerità. Concede vita interessante e piena; felice esito in campo editoriale ed artistico, e in tutti gli ambiti legati alla comunicazione e all’immaginazione. Ancora, questo Angelo concede liberazione dalle accuse ingiuste e dalle prigionie, siano esse fisiche e mentali.

Meditazione associata al Nome
La meditazione associata a Yeyazel si chiama “dire le parole giuste”. Secondo la Kabbalah, infatti, queste lettere forniscono uno strumento meditativo efficace per dissipare le energie negative seminate nella nostra vita da cose dette avventatamente. Perché le parole sono molto potenti: innescano forze spirituali che influenzano gli eventi e le circostanze della vita, nostra e degli altri. È importante siano usate per portare all’esterno noi stessi, aiutando gli altri a comprenderci; oppure per andare in soccorso degli altri, creando ponti con le nostre parole. Secondo il sapere kabbalistico – invece – la diffamazione e il pettegolezzo aumentano le malattie che affliggono il mondo. Il modo in cui usiamo la parola è talmente importante che secondo la Tradizione “noi veniamo al mondo con un numero prestabilito di parole negative che ci è permesso pronunciare: quando questa scorta è esaurita la Morte ci sopraffà”. Ma in effetti, così come le nostre parole che feriscono gli altri fanno male anche alla nostra anima, allo stesso modo quelle che donano gioia trasformano radicalmente la realtà, in Bene, e infondono in noi Benedizioni. MeditazioneOra, concentrando la tua visione sulle lettere ebraiche della radice del Nome, senza pensare ad altro, respira e, lasciandoti permeare profondamente e a lungo dal suo significato, pronuncia questa intenzione: Riguardo al mio ego, premo il tasto “muto”: ora per mio tramite parla la Luce. Da ora in poi, in tutte le occasioni, ogni mia parola eleverà la mia Anima e l’intera Esistenza.

esortazione angelica

Yeyazel esorta a invocare il potere della sua energia angelica per attingere il coraggio necessario a dispiegare i propri talenti e metterli al servizio del mondo, con fiducia: la benevolenza offerta al mondo, e tutto il Bene  che ne scaturisce, si riversa poi nella nostra vita sotto forma di Benedizioni.

Nessun commento:

Posta un commento